Skip to content

Dott.
Gianfranco Romeo

CHIRURGO PLASTICO E RICOSTRUTTIVO

Il Dr. Gianfranco Romeo è laureato in Medicina e chirurgia presso l’Università di Pisa, nel 2004 ha conseguito la specializzazione in Chirurgia plastica e ricostruttiva all’Università di Siena. Dal 1997 al 2006 ha frequentato la U.O. di Chirurgia Plastica dell’Ospedale “Cisanello” di Pisa: fino al 1999 in qualità di studente della Facoltà di Medicina, dal 2000 al 2004 in qualità di Medico-Chirurgo Specializzando in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Siena, dal 2005 al 2006 in qualità di Medico-Chirurgo volontario specialista in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica. Dal 2006 al 2008 è Dirigente medico (ruolo sanitario) presso l’U.O. di Chirurgia plastica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Pisa, dal 2008 al 2010 svolge lo stesso ruolo presso la U.O. Centro Grandi Ustioni e dal 2010 torna all’U.O. di Chirurgia plastica della medesima azienda.

Aree di intervento: Chirurgia estetica (mastopessi, mastoplastica addittiva, mastoplastica riduttiva, rinoplastica, otoplastica, blefaroplastica superiore ed inferiore, lifting viso, addominoplastica, liposuzione, liposcultura, lipofilling, mentoplastica, malaroplastica, gluteoplastica, ginecomastia, chirurgia plastica dei polpacci, chirurgia dei genitali maschili e femminili, correzione delle cicatrici); chirurgia ricostruttiva (chirurgia ricostruttiva post demolizione per tumori o post traumatica); medicina estetica (filler acido ialuronico, botulino, trattamento di ristrutturazione volumetrica del viso, biostimolazione, trattamento della cellulite, laserterapia, rinofiller).

PRENOTA ORA
+39 0587 609134

Le ultime news

Melanoma

Con l’avvicinarsi della stagione estiva torna la necessità di prendere precauzioni qualora si desideri esporsi…

Diabete

Il diabete, il cui nome completo sarebbe diabete mellito, è una delle malattie metaboliche di…

Minihospital-ipertensione-scaled

L'ipertensione, comunemente nota come pressione alta, è una condizione medica che può aumentare il rischio…

Torna su