Skip to content

Metacolina: il test per la diagnosi dell’asma

Il test alla metacolina, o provocazione bronchiale non specifica, è un tipo di analisi volto a diagnosticare e verificare la presenza di iperattività bronchiale, ovvero uno stato di maggiore sensibilità dei bronchi a rispondere con una broncocostrizione a stimoli che sarebbero innocui nei soggetti normali. Questo esame ha una durata di circa un’ora ed è particolarmente utile per confermare il sospetto di asma bronchiale anche quando il paziente non presenta sintomi al momento della visita.

Il paziente viene sottoposto a inalazione di un farmaco broncocostrittore, in questo modo le vie bronchiali reagiscono con lo stimolo della tosse e della ostruzione per autodifesa. Tale meccanismo viene definito iperattività bronchiale poiché provoca il broncospasmo, ovvero un’ostruzione acuta delle vie aree, il sintomo principale della malattia asmatica.

Test alla metacolina: a cosa serve?

Ci sono vari modi per effettuare una provocazione bronchiale: in particolare la metacolina è una sostanza farmacologica in grado di attivare la muscolatura bronchiale nel sistema nervoso parasimpatico provocando broncospasmo nei soggetti sensibili.

Lo scopo principale di un metacolina test è quello di avere la conferma della diagnosi di asma anche quando il paziente viene osservato a distanza dal momento in cui ha i sintomi. Spesso infatti un esame spirometrico e una broncodilatazione possono risultare normali nonostante una persona sia affetta da asma. Per questo motivo, in caso di sospetta presenza di asma questa patologia, è opportuno sottoporsi ad accurato test alla metacolina, il quale si dimostra altamente affidabile in termini di diagnosi ultima.

Va ricordato che la spirometria ed eventualmente il test alla metacolina è essenziale per stabilire con sicurezza la diagnosi di asma. Molti pazienti infatti vengono diagnosticati come asmatici, pur con spirometria sempre normale, mentre sono affetti da altre condizioni che richiedono trattamento diverso; il test alla metacolina è molto utile per avere la diagnosi di certezza dell’asma.

Metacolina test: procedura e norme di preparazione

Il test metacolina si esegue con una spirometria iniziale per registrare lo stato respiratorio di base. Il Al paziente viene fatta assumere per aerosol una dose crescente di metacolina (fino ad un massimo standard prestabilito) e ad ogni dose inalata viene eseguita una spirometria di controllo.

In caso di riduzione del 20% del FEV1 (indice di ostruzione bronchiale) rispetto a quello iniziale, il test si considera positivo e quindi viene interrotto. A questo punto viene somministrato un farmaco broncodilatatore e con una spirometria di controllo si verifica il ripristino dei volumi polmonari.

La durata del test può variare tra 15 minuti e 1 ora. Al momento dell’esame il paziente deve essere in buona salute e fornire alcune informazioni utili allo specialista come: l’eventuale presenza di sintomi di asma o infezioni respiratorie, le eventuali vaccinazioni negli ultimi due mesi, l’eventuale stato di gravidanza, la presenza di problemi cardiaci o segni di orticaria nelle ultime settimane.

Prima del test alla metacolina il paziente deve evitare il consumo di caffè, , Coca Cola, cioccolato e fumo (almeno 2 ore prima del test). Eventuali cure asmatiche in corso con farmaci broncodilatatori devono essere sospese, su indicazione del medico, almeno 12 ore prima dell’inizio del test.

La spirometria con metacolina è un test sicuro privo di effetti collaterali importanti, se non un possibile disagio per il tempo necessario ad effettuare il test che può richiedere un certo sforzo.
È controindicato eseguire il metacolina test in caso di infarto miocardico recente, aneurismi arteriosi noti, ipertensione arteriosa grave, gravidanza o epilessia.

In caso di esito positivo, il test metacolina rivela la presenza di asma bronchiale, ossia una malattia respiratoria caratterizzata dall’infiammazione cronica dei bronchi e alterazione de regolare flusso dell’aria, provocando problemi respiratori, tosse o pressione toracica.

La spirometria con metacolina al MiniHospital “Sandro Pertini”

MiniHospital “Sandro Pertini” dispone di uno spirometro di ultima generazione dotato di cabina per la somministrazione di metacolina ai pazienti. Quello in uso nell’ambulatorio di pneumologia coordinato dal Prof. Dott. Pierluigi Paggiaro è un macchinario di ultima generazione, in grado di misurare con precisione la reattività dei bronchi e gli scambi gassosi a livello degli alveoli polmonari.

Spirometria con metacolina e riabilitazione respiratoria

Come già detto, il test metacolina viene impiegato per diagnosticare l’asma, una delle più diffuse malattie respiratorie croniche.

Presso MiniHospital “Sandro Pertini” è attivo un percorso di riabilitazione respiratoria come supporto per pazienti affetti da questo tipo di patologie. I pazienti vengono aiutati a mantenere attive le loro capacità, ma anche a recuperare quelle capacità perdute a causa della malattia, portando il paziente ad una situazione di normalità. Un team di professionisti segue ogni paziente con una logica multidisciplinare allo scopo di controllare sintomi e miglioramenti giorno dopo giorno.

Per le attività di riabilitazione i pazienti del MiniHospital “Sandro Pertini” hanno a disposizione ambulatori di fisioterapia dotati di strumenti all’avanguardia, una palestra equipaggiata con attrezzi specifici e una piscina adatta a soggetti che hanno necessità di svolgere esercizi in assenza o con una riduzione parziale del peso corporeo. Il percorso di riabilitazione respiratoria può essere svolto in sede o a domicilio per chi ha necessità specifiche.

Specialisti di riferimento

Dott. Alessandro Perotti
Dott.
UROLOGO e CHIRURGO ANDROLOGICO
Susanna Uggeri
Dott.ssa
Anestesista

Le ultime news

Melanoma

Con l’avvicinarsi della stagione estiva torna la necessità di prendere precauzioni qualora si desideri esporsi…

Diabete

Il diabete, il cui nome completo sarebbe diabete mellito, è una delle malattie metaboliche di…

Minihospital-ipertensione-scaled

L'ipertensione, comunemente nota come pressione alta, è una condizione medica che può aumentare il rischio…

Torna su